Il sito web del Liceo "Battaglini" utilizza i cookie. Visitando il sito si autorizza l'impiego di cookie.

Liceo Scientifico di Stato 'Giuseppe Battaglini' - Taranto

Nuovo grande successo del Battaglini alle Olimpiadi nazionali di Matematica

olimpiali_matematica_logo.gif

Il Battaglini, ci ha ormai abituato ai suoi successi con le Olimpiadi della Matematica, ma quest'anno il bottino portato a casa dal nostro Liceo è stato particolarmente ricco: una medaglia d'argento all'alunno Alessio Spagnoletti della 4^B, e una di bronzo a Luca Pignatelli della 5^D.

La competizione delle Olimpiadi della Matematica, promossa dalla UMI (Unione Matematica Italiana) è la più antica competizione tra scuole e vanta un numero iniziale di quasi duecentomila partecipanti, dei quali solo trecento accedono alla fase nazionale: questo rende ancor più ragguardevole il risultato conseguito dalla nostra scuola tarantina. Le gare dei “singolaristi” e le gare “a squadre” vertono su ardue prove di teoria dei numeri, calcolo combinatorio, geometria e altre aree di quell’affascinante universo scientifico che chiamiamo “matematica”. Tutti i risultati raggiunti dai nostri ragazzi e da quelli delle altre scuole sono frutto di intenso lavoro. Come ha detto il prof. Ciro Ciliberto, presidente dell'Unione Matematica Italiana, nel suo annuale discorso di premiazione, “la matematica é una disciplina altamente etica, perché non concede scorciatoie”.

Quindi l'unico segreto è lo studio, l'esercitazione continua. Oltre al successo dei ragazzi premiati, è senz'altro da rimarcare la positiva affermazione di tutto il team del Battaglini, che ha portato a Cesenatico ben due squadre: una maschile, costituita da Alessio Spagnoletti, Luca Pignatelli, Manuel Luci, Daniele Cassano, Giacomo Fortunato, Michele Caputo e Lorenzo Lomartire, e una femminile, formata da Federica Elia, Cristina Buzzerio, Clara Sapio, Grazia De Mola, Carlotta Castelli, Paola Mastromarino e Nicoletta Leone. Queste due squadre hanno partecipato alle finali nazionali battendosi con scuole che investono risorse di gran lunga maggiori di quelle della nostra scuola per la preparazione dei loro alunni. Il Liceo Battaglini, grazie al fattivo impegno della dirigente, dott.ssa Patrizia Arzeni, ha egregiamente sostenuto lo sforzo organizzativo e tecnico-operativo per lo svolgimento di tutte le fasi preparatorie che hanno condotto all’argento e al bronzo dei nostri “singolaristi”. Ma anche nelle gare “a squadre”, pur non raggiungendo il “podio”, i nostri allievi e le nostre allieve hanno conseguito lusinghieri risultati. Un sentito ringraziamento alla prof.ssa Giuseppina Serafica, alla prof.ssa Maria Teresa Abbamonte e al prof. Fernando Carta, che hanno accompagnato i nostri studenti in tutte le delicate fasi di preparazione. Ma occorre anche ricordare il contributo dell'associazione dei genitori del Battaglini e lo sponsor Marco Musolino con la ditta Lubritalia. Numerosi sono stati i docenti e i ragazzi delle altre scuole che ci hanno affiancato in un clima di amichevole competizione e che da qualche tempo seguono i corsi di approfondimento che il Battaglini attiva a Taranto in vista delle Olimpiadi.  Anche quest’anno, infatti, si svolgerà uno stage estivo, tenuto dalla prof.ssa Serafica e da altri docenti dello staff delle Olimpiadi nazionali di Matematica. È ormai l'ottavo anno che, nella prima quindicina del mese di luglio, si tiene questo “appuntamento matematico” nella provincia di Taranto e, nonostante il caldo e le vacanze ormai inoltrate, l’affluenza è davvero sempre eccezionale. L’anno passato, tra corso basic e corso advanced, circa centoventi di ragazzi pugliesi hanno rinunciato ad una settimana di mare per “fare matematica”. Rivolgiamo dunque ai docenti di matematica della provincia e anche all'amministrazione del Comune di Taranto di contribuire allo sviluppo di questa iniziativa, che è volta a offrire alle nostre eccellenze opportunità formative che al Nord è molto più facile ottenere. Bertrand Russell affermava che la matematica, vista nella giusta luce, possiede non soltanto verità, ma anche suprema bellezza, una bellezza fredda e austera, come quella della scultura. Auspichiamo, con il contributo di tutti, di poter dare anche ai nostri ragazzi la possibilità di accostarsi a questa bellezza.